Bevi responsabilmente

L'impegno di Terre de la Custodia

Terre De La Custodia si impegna a promuovere il consumo responsabile di alcool.
Come azienda di vino, proponiamo un consumo di qualità, al momento giusto e nel luogo più adatto, scoraggiando ogni tipo di abuso.
Ci impegniamo affinché tutte le nostre attività di comunicazione vengano svolte con la finalità di promuovere un consumo responsabile dei nostri prodotti tra un pubblico adulto.

Cosa significa bere responsabilmente

Bere responsabilmente denota un approccio ponderato e consapevole nei confronti del consumo di bevande alcoliche, caratterizzato dalla moderazione, dalla consapevolezza dei propri limiti e dalla considerazione degli impatti sulla salute individuale e sulla collettività. Bere responsabilmente implica la comprensione dei propri limiti personali in termini di quantità e frequenza di consumo, nonché la consapevolezza dei momenti e delle circostanze in cui il consumo di alcol potrebbe risultare inappropriato o dannoso. Essere responsabili nel bere significa integrare l’aspetto sociale e culturale del consumo di alcol con un’attitudine prudente e consapevole, evitando eccessi che potrebbero compromettere la propria salute fisica e mentale. Questo comportamento responsabile si estende oltre l’individuo, poiché tiene conto delle implicazioni sociali e comportamentali del consumo e promuove la convivenza civile e la sicurezza pubblica.

La consapevolezza dei rischi connessi al consumo eccessivo di alcol, nonché la considerazione delle situazioni in cui il consumo di bevande alcoliche può essere pericoloso (come la guida, la gravidanza o l’assunzione di determinati farmaci) sono elementi cruciali nel praticare un consumo responsabile. Inoltre, promuovere una cultura della responsabilità nel bere implica educare e sensibilizzare le persone su questi aspetti, incoraggiando comportamenti consapevoli e prudenti al fine di preservare la salute individuale e il benessere collettivo.

In conclusione, bere responsabilmente significa adottare un approccio equilibrato e consapevole verso il consumo di alcol, integrando la moderazione, la consapevolezza dei limiti personali e la considerazione degli impatti sulla salute individuale e sociale.

I pericoli dell'alcol

Ci sono situazioni in cui anche una piccola quantità di alcol può essere pericolosa, come per bambini, adolescenti, persone che assumono farmaci specifici o ex alcolisti. Anche situazioni come il lavoro, la guida o la gravidanza richiedono particolare attenzione.

È importante far capire a tutti i pericoli legati all’alcol affinché anche in queste situazioni si adottino comportamenti sicuri riguardo al consumo di alcol.

Gravidanza

Bere alcol in gravidanza può creare problemi al nascituro.

Bere durante la gravidanza è un argomento delicato e di estrema importanza per la salute della madre e del bambino. La raccomandazione medica unanime è quella di evitare completamente il consumo di alcol durante la gravidanza. Bere alcol durante la gestazione può avere effetti dannosi sullo sviluppo del bambino e aumentare il rischio di gravi problemi di salute, inclusi difetti congeniti, ritardo mentale, problemi comportamentali e di sviluppo fisico. Anche l’assunzione di quantità minime di alcol durante la gravidanza è sconsigliata, in quanto non esiste una quantità sicura di alcol che possa essere considerata priva di rischio per il bambino in sviluppo. L’alcol attraversa la placenta e può interferire con lo sviluppo cellulare e neuronale, causando danni permanenti.

Di conseguenza, la prassi medica e le linee guida sanitarie consigliano in modo categorico di astenersi completamente dal consumo di alcol durante la gravidanza e anche durante la pianificazione della gravidanza, in quanto il consumo di alcol nelle prime fasi dello sviluppo fetale può avere conseguenze negative.

In conclusione, bere in gravidanza rappresenta un rischio significativo per la salute del bambino non ancora nato. Pertanto, il consiglio medico unanime è di evitare completamente il consumo di alcol durante la gravidanza al fine di garantire la migliore salute possibile sia per la madre che per il bambino.

Guida

O bevi o guidi

Guidare sotto l’influenza dell’alcol è estremamente pericoloso e può avere gravi conseguenze sulla sicurezza stradale. Bere alcolici e mettersi alla guida costituisce una grave infrazione e rappresenta un rischio per la propria vita, per quella degli altri passeggeri e per gli altri utenti della strada.

L’alcol influisce negativamente sulle capacità cognitive e motorie, compromettendo la capacità di reazione, la percezione, la coordinazione e il giudizio. Anche piccole quantità di alcol possono influire sulla capacità di guidare in modo sicuro.

La raccomandazione fondamentale è evitare completamente di guidare dopo aver consumato alcolici.
Se si ha intenzione di bere, è consigliabile pianificare alternative alla guida, come l’utilizzo di mezzi pubblici, il noleggio di un taxi o il coinvolgimento di un conducente designato che non abbia bevuto alcol affinché la sicurezza propria e degli altri sulla strada sia sempre garantita. La sicurezza stradale e la prevenzione di incidenti sono priorità fondamentali, e evitare di guidare dopo aver bevuto alcol è una responsabilità personale che può salvare vite.

Lavoro

Niente alcol durante il lavoro

Esistono alcune professioni e settori in cui è assolutamente vietato consumare alcol durante l’orario lavorativo per motivi di sicurezza sul lavoro, come ad esempio per chi opera con macchinari pesanti, mezzi di trasporto, in ambienti pericolosi o settori in cui è richiesta massima attenzione e lucidità.

Le aziende possono adottare politiche interne riguardo al consumo di alcol sul posto di lavoro, stabilendo regole e limiti specifici. In alcuni casi, possono essere previste sanzioni disciplinari o addirittura il licenziamento per violazioni gravi delle politiche aziendali relative al consumo di alcol sul luogo di lavoro.

È sempre consigliabile evitare l’assunzione di alcol durante l’orario lavorativo.

Età

Evitare il consumo di alcol prima dei 18 anni, gli anziani sono più sensibili

L’assunzione di alcol in giovane età può avere impatti negativi sulla salute e sullo sviluppo, specialmente nei più giovani. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e le istituzioni sanitarie raccomandano di evitare il consumo di alcol prima dei 18 anni, in quanto il cervello e il corpo sono ancora in fase di sviluppo e l’alcol può avere effetti dannosi sul loro corretto sviluppo. Inoltre, è responsabilità dei genitori, degli educatori e della società in generale sensibilizzare e educare i giovani sugli effetti dell’alcol e promuovere un comportamento responsabile riguardo al suo consumo, incoraggiando una cultura del bere consapevole e moderato, oltre a rispettare le normative vigenti sul consumo di alcol in base all’età.

Per quanto riguarda invece gli anziani, possono essere più suscettibili agli effetti dell’alcol sul loro corpo a causa di cambiamenti fisiologici legati all’invecchiamento. Questi cambiamenti includono una diminuzione della massa muscolare, una minore capacità di metabolizzare l’alcol e un aumento della sensibilità agli effetti dell’alcol. Inoltre, alcune condizioni mediche più comuni negli anziani, come l’ipertensione, le malattie cardiache, l’insufficienza epatica o renale, possono essere aggravate dall’assunzione eccessiva di alcol.

La raccomandazione per gli anziani è quella di consultare un medico o un professionista sanitario prima di consumare alcol, specialmente se sono presenti condizioni mediche o se stanno assumendo farmaci che possono interagire con l’alcol. È importante tenere conto delle proprie condizioni di salute, della propria tolleranza all’alcol e di eventuali rischi che potrebbero derivare dal suo consumo.

 

Abuso e dipendenza

L’abuso e la dipendenza dall’alcol sono due condizioni che coinvolgono l’assunzione eccessiva e dannosa di bevande alcoliche, ma presentano differenze significative.

Abuso di alcol: si verifica quando una persona consuma regolarmente e in modo eccessivo bevande alcoliche, portando a problemi fisici, psicologici, sociali o lavorativi. Questo comportamento può risultare in problemi di salute, problemi di relazione, difficoltà sul lavoro o nell’ambito sociale, senza che vi sia necessariamente una dipendenza vera e propria. L’abuso può manifestarsi attraverso l’assunzione di grandi quantità di alcol in un breve periodo, una tendenza a trascurare responsabilità quotidiane o a mettersi in situazioni rischiose a causa dell’alcol.

Dipendenza dall’alcol (alcolismo): La dipendenza dall’alcol, conosciuta come alcolismo, è una malattia cronica e progressiva che si manifesta con una dipendenza fisica e psicologica dall’alcol. Chi soffre di alcolismo è incapace di controllare il consumo di alcol e può sperimentare una forte compulsione a bere nonostante i danni che l’alcol sta causando alla salute, alle relazioni o al lavoro. La dipendenza può manifestarsi con sintomi di astinenza quando non si beve, una progressiva tolleranza all’alcol (il bisogno di bere sempre di più per ottenere lo stesso effetto) e una perdita di interesse per altre attività a favore del bere.

Entrambe queste condizioni richiedono attenzione e, se non trattate, possono portare a serie conseguenze per la salute fisica e mentale, nonché a problemi sociali e familiari. La consulenza da parte di professionisti della salute mentale o l’assistenza di programmi di recupero possono essere fondamentali per superare sia l’abuso che la dipendenza dall’alcol.

Social media

Nei nostri social media seguiamo la seguente policy:

• Evitare persone minorenni o che abbiano una fisionomia giovanile che sembrino non aver raggiunto la maggiore età
• Evitare persone in atteggiamenti anomali, causati dalle conseguenze di abuso di alcolici
• Evitare soggetti ritratti in un consumo eccessivo e irresponsabile di alcolici
• Evitare messaggi che esaltino il contenuto alcolico o suggeriscano benefici fisici, psicologici o intellettuali dello stesso
• Evitare ogni tipo di contenuto che sia in contrasto con un consumo responsabile di alcool.

Ci proponiamo inoltre di gestire commenti e contenuti degli utenti registrati ai nostri canali in modo che non violino la policy appena descritta